Ai sensi della normativa vigente si comunica che l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata P.E.C. a cui i Comuni, i Consolati / Ambasciate Italiane all’estero e gli Enti Pubblici sono tenuti ad inviare i modelli di iscrizione e cancellazione anagrafica (APR4 e CONS) nonché tutti i documenti necessari all’espletamento delle funzioni istituzionali le variazioni anagrafiche è il seguente: 

Ufficio Anagrafe e Ufficio Stato Civile:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Solo in casi eccezionali le comunicazioni possono essere inviate via fax ai seguenti numeri: 
Ufficio Anagrafe: 081.786.25.30 
Ufficio Iscrizioni Anagrafiche: 081.786.25.60 
Ufficio Stato Civile: 081.786.25.11 
 
 
 
Si avvisa la cittadinanza che a partire dal 03/04/2017 la u.o. Immigrazione/Cambi di residenza dell'Ufficio Anagrafe sarà aperto al pubblico esclusivamente nei giorni pari e quindi il Martedi e Giovedi' nei seguenti orari: 8:30 – 12:45   -  14:30 - 16:30.
Gli altri canali con cui è possibile far pervenire la dichiarazione di cambio di residenza resteranno invece attivi e disponiili tutti i giorni.
Per maggiori informazioni consultare la sezione Anagrafe on line/Cambio di residenza.  

Certificati anagrafici: imposta bollo e diritti di segreteria. Tariffe in vigore e modulistica.

 Novità: A seguito della entrata in vigore della legge di stabilità (L. 183/2011), dal 1° gennaio 2012, agli uffici pubblici è vietato rilasciare certificati per provare stati, fatti e qualità personali da esibire ad altre pubbliche amministrazioni ed ai privati gestori di pubblici servizi(art. 40, D.P.R.445/2000). Pertanto a far data dal 1 Gennaio 2012, i cittadini, nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e i gestori di pubblici servizi, NON POSSONO UTILIZZARE CERTIFICATI.

Le Pubbliche Amministrazioni e tutti i gestori di Pubblici Servizi sono tenute ad accettare dichiarazioni sostitutive dell’atto notorio (art. 47 D.P.R. 445/2000) o di certificazioni (art. 46) che ha lo stesso valore dei certificati non hanno alcun costo e non necessitano dell'autenticazione della firma. Le autocertificazioni possono essere accettate anche nei rapporti tra privati (banche, imprese, assicurazioni, società sportive, etc.) qualora questi lo consentano

Sui certificati rilasciati dall’ufficio anagrafe quindi verrà apposta, a pena di nullità, la dicitura:

“il presente certificato non può essere prodotto agli organi della PA o ai privati gestori di pubblici servizi”.

La mancata ricezione delle stesse costituisce violazione dei doveri di ufficio

Validità delle certificazioni:

A seguito dell’abrogazione del comma 2 dell’art. 41 del citato DPR n. 445/2000, dal 01 gennaio 2012 i certificati anagrafici e di stato civile, gli estratti e le copie integrali degli atti di stato civile avranno una validità di 6 mesi dalla data del loro rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedano una validità superiore. Resta, invece, confermata la validità ILLIMITATA per i certificati attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni ( es. nascite, morte ).

L’Ufficio Anagrafe può fornire informazioni anagrafiche esclusivamente mediante il rilascio di certificati, ossia:

1. Certificato di residenza

2. Certificato di stato di famiglia 

3. Attestazione o certificazione di ogni altra posizione desumibile dagli atti anagrafici (esclusi: professione, arte o mestiere, condizione non professionale, titolo di studio) qualora non vi ostino gravi o particolari esigenze di pubblico interesse

N.B. In nessun caso vengono fornite informazioni anagrafiche a mezzo telefono o in forma diversa dalla certificazione anagrafica, pertanto si invita ad astenersi da richieste e sollecitazioni in tal senso, ivi comprese richieste di conferma di indirizzo.

Tariffe in vigore:

Gli uffici comunali dello stato civile e di anagrafe possono rilasciare i certificati soltanto ad uso privato.

Per i certificati dell’anagrafe (es.:residenza, stato di famiglia, contestuali ) è previsto il pagamento dell’imposta di bollo (art. 4 della tariffa allegato A al D.P.R. 642/1972) e dei diritti di segreteria (artt. 40, 41, 42 Tabella D L. 604/62).

Per ciascun certificato d’anagrafe (es. :residenza, stato di famiglia, contestuali) bisogna corrispondere

-  € 16,00 + € 0,52 rispettivamente per l’imposta di bollo (art. 4 della tariffa allegato A al D.P.R. 642/1972) e dei diritti di segreteria

-  € 0,26 per diritti di segreteria  in caso di certificati in carta semplice negli specifici casi di esenzione dall’imposta di bollo

-  Per certificati e attestati redatti a mano, con ricerca d'archivio, rilasciati anche per la determinazione dell'albero genealogico, per ogni singolo nominativo € 5,16, più  €0,26 da applicarsi al solo certificato.

Esenzione:

1.Sono esenti dal bollo e dal pagamento dei diritti di segreteria le certificazioni di stato civile .

2.Sono esenti da bollo i certificati destinati ad usi è compreso fra quelli elencati nell’allegato B al DPR n. 642 del 1972 (vedi apposita tabella)

3.Quando l’esenzione è prevista da specifica disposizione di legge;

n.b. Nei casi n. 1 e 2 i certificati sono esenti da bollo, ma non dai diritti di segreteria, tutte le altre certificazioni per le quali è prevista l'esenzione.

Spetta, al richiedente specificare se, in relazione all'uso dell'atto, sussistano norme che prevedano delle esenzioni in quanto l'agevolazione non può essere presunta dall'operatore del servizio anagrafico. Conseguentemente i certificati anagrafici emessi in esenzione da bollo riportano l’indicazione della norma che ne giustifica l'emissione in carta semplice dichiarata dal richiedente con apposita istanza.

Avvertenze:

L'UTILIZZO DI CERTIFICATI RILASCIATI IN ESENZIONE DA BOLLI E DA SPESE PER FINI DIVERSI DA QUELLI INDICATI SUL CERTIFICATO È UNA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE VIGENTE.

L'ARTICOLO 22 DEL DPR 26/10/1972 N. 642 STABILISCE CHE SONO SOLIDAMENTE OBBLIGATI AL PAGAMENTO DELL'IMPOSTA E DELLE EVENTUALI SOPRATTASSE E PENE PECUNIARIE TUTTI I SOGGETTI CHE HANNO SOTTOSCRITTO, RICEVUTO, ACCETTATO O NEGOZIATO ATTI E DOCUMENTI NON IN REGOLA CON L'IMPOSTA  O CHE DEGLI STESSI.

 
MODALITA’ di PAGAMENTO e CONSEGNA:
Le modalità di pagamento variano a seconda della tipologia di certificato richiesto.
 
In caso di certificati IN CARTA LIBERA ( non soggetti al pagamento dell’imposta di bollo ma solo dei diritti di segreteria):
  • Presso lo Sportello dell’Ufficio Anagrafe;
  • Tramite consegna in busta chiusa degli importi dovuti;
  • Tramite versamento  versamento su c/c postale n. 22989800 intestato a “ Comune di Portici – Servizio Tesoreria”
  • Tramite bonifico bancario in favore del seguente IBAN IT39E0514240090127571127976
In caso di certificati IN CARTA LEGALE (Marca da bollo + diritti di segreteria) nelle more dell’attivazione della convenzione tra Comune di Portici e Agenzia delle Entrate
  • Presso lo Sportello dell’Ufficio Anagrafe;
  • Tramite consegna in busta chiusa della marca da bollo + gli importi dovuti;
Modalità di consegna:
In formato digitale tramite Posta Elettronica Certificata;
In formato analogico tramite servizio postale. In tal caso occorre far pervenire all’Ufficio Anagrafe una busta preaffrancata. 
 

Funzione probatoria dei certificati Anagrafici:

 Le certificazioni anagrafiche non hanno alcun valore e funzione probatoria ai fini dello stato civile che riguarda, invece, le particolari e qualificate posizioni attribuite dall’ordinamento all’individuo rispetto a fatti giuridicamente rilevanti oppure nell’ambito di essenziali e fondamentali relazioni giuridiche (es cittadinanza, all’evento della morte o alle situazioni soggettive inerenti la famiglia, con i sottostanti rapporti di coniugio e di filiazione).

La funzione dello stato di famiglia, non è, quindi, attribuire la pubblicità e la certezza in ordine ai menzionati fatti e relazioni, ma è quella di rispecchiare la composizione della famiglia ai soli fini anagrafici, come definita dall’art. 4 del DPR n. 223 del 1989, e cioè un insieme di persone - le quali possono, o meno, essere unite da vincoli di coniugio e/o di parentela - la cui caratteristica rilevante è costituita dalla "coabitazione" all’interno di una stessa unità immobiliare.

Il servizio anagrafico, pur richiedendo un costante aggiornamento dei dati relativi alle persone ed alle famiglie residenti nel comune, non ha assolutamente funzioni supplementari e/o sostitutive del servizio di stato civile, ma è dotato di una propria autonomia che discende dalle differenti finalità poste alla sua base e dai diversi interessi pubblici dei quali costituisce espressione. In pratica la funzione essenziale dell’anagrafe è rilevare la presenza stabile, comunque situata, di soggetti sul territorio comunale.

Il nucleo familiare da considerare per la corresponsione degli assegni per il "nucleo familiare" è cosa ben differente dalla famiglia anagrafica: esso non può essere certificato dall’Ufficio anagrafe (Consiglio di Stato, Quinta sezione, decisione n. 770 del 4.5.1994) ma deve invece essere comprovato con dichiarazione resa dall’interessato. [Dalla circolare Min. interno n. 11 del 23.7.1996]

Le Pubbliche Amministrazioni e i gestori di pubblici servizi, a decorrere dal 1° gennaio 2012, sono tenuti a non accettare e a non richiedere ai cittadini certificazioni in ordine a stati, qualità personali e fatti che possono essere sostituite da autocertificazioni o da atti di notorietà.

Inoltre, i recenti provvedimenti governativi sulla semplificazione obbligano a incentivare l’uso dei mezzi telematici per lo scambio di informazioni tra le Pubbliche Amministrazioni, attivando un processo di snellimento amministrativo a tutto vantaggio dell’ utenza, con ottimizzazione dei costi di gestione.
Servizio autocertificazioni anagrafiche e controlli on-line (link in fondo alla pagina) è rivolto a:

  • Cittadini residenti nel Comune di Portici

    Il Cittadino potrà visualizzare e stampare da casa o da qualsiasi computer connesso ad internet, 24 ore su 24, la propria scheda e le autocertificazioni anagrafiche e di Stato Civile evitando di recarsi agli sportelli.

Forze dell'Ordine (ex art. 37 D.P.R. 223/89 Regolamento Anagrafico) e altre Pubbliche Amministrazioni (ex Art. 58 C.A.D.- L. n. 183/2011- D.p.r. 445/2000- c.d. Circolarità anagrafica). Per richiedere la stipula di Convenzioni ex art. 58 C.A.D. è possibile rivolgersi al Dirigente degli Uffici Demografici avv. Maurizio Longo oppure alla dott.ssa Paola Ricci - Funzionario Uffici Demografici e SUAP - Tel. 081 7862536-.517

  • Email P.e.c. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
  • Email ordinaria:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Registrarsi al servizio

La procedura di attivazione si compone di n. 2 fasi:

1- Fase di registrazione on-line, con cui il cittadino effettua una prenotazione di iscrizione ai servizi. Al termine della registrazione l’utente riceverà una e-mail contenente le credenziali (Userid e Password) e le istruzioni su come procedere.
 n.b.Prima del completamento della seconda fase l’ utente non potrà accedere alla propria area riservata.

2- Fase di riconoscimento e attivazione delle credenziali (Userid e Password); il cittadino dovrà recarsi di persona presso l'Ufficio Anagrafe (Traversa Melloni) munito di documento di riconoscimento valido per la controfirma del modulo di attivazione e la Iiberatoria per la privacy.

 ATTENZIONE: ATTUALMENTE LA REGISTRAZIONE AL PORTALE DEI SERVIZI E' SOSPESA PER AGGIORNAMENTO PIATTAFORMA WEB 

Accedi al servizio

 

Il 9 maggio 2012 è entrata in vigore la nuova disciplina prevista dall'art. 5 del decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35. Quando un nucleo familiare si trasferisce da un comune a un altro comune (italiano o estero) o quando ha cambiato abitazione deve dichiarare il nuovo indirizzo all´Ufficio Anagrafe nel termine di venti giorni dalla data in cui si sono verificati i fatti utilizzando una modulistica conforme a quella pubblicata sul sito istituzionale del Ministero dell'Interno.

Presentazione della domanda

La domanda deve essere presentata compilando l’apposita modulistica reperibile in calce a questa pagina.

E' possibile presentare la domanda attraverso una delle seguenti modalità:

  • di persona esclusivamente allo sportello Anagrafico di Traversa Melloni - Stanza n. 6 e previo appuntamento fissato telefonicamente al n. 081.7862528-559 ;
  • per raccomandata da spedire all’Ufficio Anagrafe al seguente indirizzo:  Via Campitelli s.n.c. 80055 Portici (Na);
  • per fax da inviare al n 081.7862560;
  • per via telematica tramite 

Posta elettronica ordinaria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Posta Elettronica Certificata P.E.C. (specificando nell’oggetto "iscrizione anagrafica") al seguente indirizzo di: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ;

ATTENZIONE:

A partire dal 03/04/2017 l'Ufficio Immigrazione sarà aperto al pubblico ESCLUSIVAMENTE nei giorni pari e quindi il Martedi e Giovedi' nei seguenti orari: 8:30 – 12:45   -  14:30 -16:30

 

 

 

 

Compilazione della domanda per via non-telematica
 
La dichiarazione può essere resa da un qualsiasi componente del nucleo familiare, purché maggiorenne. I componenti maggiorenni del nucleo familiare devono comunque sottoscrivere il modulo di richiesta. La persona che richiede il trasferimento di residenza o il cambiamento di indirizzo deve compilare chiaramente e completamente tutti i campi del Modulo obbligatori contrassegnati da un asterisco *. In caso contrario la domanda è IRRICEVIBILE.
 
Nel Modulo occorre indicare chiaramente:
  • i dati anagrafici di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • il Comune o lo Stato estero da cui provengono;
  • l´indirizzo esatto e completo del numero civico e del numero interno dell´abitazione;
  • in caso di coabitazione, il nominativo di chi già occupa l´appartamento, al quale il Comune trasmetterà un avvio di procedimento della richiesta di residenza presso la sua abitazione
  • Se si è titolari di patente e si è intestatari di mezzi targati è obbligatorio compilare i campi previsti nel modello ministeriale

Documentazione da allegare:

  • Documento d'identità in corso di validità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente;
  • Per i cittadini extracomunitari è necessario il passaporto o documento equipollente e la documentazione indicata nell'allegato A);
  • I cittadini comunitari dovranno presentare documento di riconoscimento e la documentazione prevista dalla normativa a seconda del titolo in base al quale effettuano la richiesta (lavoro subordinato, motivi di studio, ricongiungimento familiare) e indicata nell'allegato B).Modalità di trasmissione della richiesta di cambio e di residenza e indirizzo
  • I cittadini potranno presentare tutte le dichiarazioni anagrafiche (cambio di residenza con provenienza da altro comune o dall'estero, cambio di abitazione nell'ambito dello stesso comune) non solo allo sportello Comunale, ma anche per raccomandata, per fax o per via telematica.

Tempi del procedimento di cambio di residenza:

Fermo restando che la decorrenza giuridica del cambio di residenza decorre dalla data di presentazione della dichiarazione, entro i due giorni lavorativi successivi il richiedente sarà iscritto in anagrafe e potrà ottenere il certificato di residenza e lo stato di famiglia, limitatamente alle informazioni "documentate".
Tutte le normali certificazioni potranno essere rilasciate solo ed esclusivamente a seguito della cancellazione e della verifica dei dati dichiarati da parte del comune di provenienza entro gli ulteriori e successivi 5 giorni lavorativi.
Il Comune entro 45 giorni dalla dichiarazione procede all'accertamento dei requisiticui è subordinata l'iscrizione anagrafica: accertamento da parte della Polizia Municipale attestante la sussistenza della situazione di fatto e cioè che il soggetto interessato abbia effettivamente stabilito la sua dimora abituale nel Comune di Portici e all´indirizzo dichiarato.
Trascorso tale termine senza che siano pervenute comunicazioni negative, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto (silenzio-assenso, art. 20 legge 241/1990).
In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dei benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace.

 

Compilazione della domanda per via telematica

Nota : come chiarito dalla Circolare del Min. Interno n. 9/2012 la trasmissione telematica e' consentita mediante una delle seguenti modalità

  • sottoscrizione del dichiarante con firma digitale
  • identificazione del dichiarante attraverso carta di identità elettronica o carta nazionale dei servizi
  • trasmissione attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante
  • acquisizione mediante scanner di copia della dichiarazione - debitamente compilata e firmata - e di copia del documento d'identità del dichiarante e trasmissione tramite posta elettronica semplice.